lunedì 9 agosto 2010

Intervista a SABRINA GREGORI


Ciao Sabrina, benvenuta nel mio blog e grazie per la tua disponibilità.
Grazie a te per ospitarmi.

Chi è Sabrina Gregori. Ti racconti un po’?
Sono una persona che ha maturato negli anni il desiderio di esprimersi attraverso il teatro, il canto e la scrittura. Recito con la compagnia dialettale QUEI DE SCALA SANTA, studio e canto con il mio gruppo, cover di musica rock, e scrivo “racconti inquietanti”. Ho lavorato per diversi anni nel campo della formazione professionale, una professione che mi ha dato modo di conoscere e socializzare con tante persone, specialmente facendo docenza. Per cinque anni ho avuto un negozio di cartoleria e giocattoli. Insomma, il contatto con la gente è stato il mio pane, mi ha fatto crescere e mi ha insegnato tante cose sui rapporti fra le persone, elementi che mi hanno aiutato anche nelle mie forme di espressione.

Cosa rappresenta per te la scrittura?
La scrittura mi dà la possibilità di concretizzare e fissare sulla carta i prodotti della mia immaginazione, che è piuttosto fervida, e non si ferma mai, neanche quando io vorrei metterla a riposo, per fortuna e purtroppo, direi! Mi piace osservare le persone e le situazioni e immaginare di “andare oltre”, verso gli aspetti più singolari, nella parte oscura che si nasconde dietro a ciò che vedo…

“Tre innocui deliri ” è il tuo libro d’esordio. Tre racconti inquietanti. Ce ne parli?
Sono racconti basati sulla descrizione di situazioni normali e quotidiane, situazioni in cui ognuno di noi potrebbe trovarsi, che si trasformano progressivamente in condizioni incredibili e senza via d’uscita. Si tratta di tre racconti piuttosto diversi tra loro, anche per dimensione (uno lungo, uno medio e uno corto), accomunati da un elemento onirico piuttosto forte, che li caratterizza.

Come è nata l’idea di scrivere racconti alla Stephen King?
È uno scrittore che ho sempre amato, fin da quando, circa vent’anni fa, un amico mi prestò il suo libro “Le notti di Salem”. Mi è sempre piaciuto il genere che tratta e, inoltre, amo il suo modo di descrivere la vita della provincia americana, le condizioni emotive dei suoi personaggi e la capacità che ha di inchiodare il lettore con un crescendo di tensione. Probabilmente ho fatto la somma di tre elementi: l’amore per la scrittura, che nutro da sempre, la preferenza per il genere “inquietante” e le lezioni del maestro King.

Molto d’impatto la copertina. Di chi è stata l’idea e la scelta della copertina?
Ti ringrazio, piace molto anche a me. È stata il frutto di una collaborazione molto efficace con un grande professionista triestino della fotografia e della grafica, Massimo Goina, e una modella d’eccezione, anch’essa fotografa, Antonella Rimbaldo. Max ha saputo tradurre in immagine i miei pensieri e, mettendo assieme le nostre idee, siamo giunti alla realizzazione di questa copertina dal carattere Hitchcockiano.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Sicuramente continuare a scrivere, ora che ho preso il “via”, non intendo fermarmi! Ho già in cantiere il prossimo libro, questa volta un romanzo, che è già a buon punto. Si tratta di una storia che nasce negli anni Settanta, un’amicizia fra due ragazzini, un bambino ed una bambina, che abitano nello stesso condominio, e anche in questo caso ci sono degli aspetti fortemente inquietanti…

Ti ringrazio  e ti saluto. Vuoi aggiungere qualcosa?
Ho visto che il libro ha avuto successo anche fra i lettori non tipicamente amanti del genere, e questo mi fa davvero piacere, per cui vorrei invitare il lettore a non fermarsi al proprio genere preferito, ma ad essere sempre disposto a spaziare, perché ci possono essere sempre delle belle sorprese. Grazie, Irene, per il tuo interesse e la tua ospitalità su questo blog. Buoni libri a tutti!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento, ne siamo lieti. Ricordati di adottare sempre un linguaggio civile e appropriato.
NO SPAM!
Lo staff di Tuttosuilibri.com

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...