lunedì 13 settembre 2010

Intervista a: MARIANGELA CAMOCARDI! Giveaway: il romanzo "La signora del lago"

Tutto sui libri con la collaborazione degli autori stessi e delle casa editrici vi darà la possibilità di ricevere un libro gratis ogni qualvolta ci sarà la possibilità. Per riceverlo dovete commentare e le interviste e recensioni entro un dato termine. Tra tutti i commentatori ne verrà estratto uno! Buona fortuna...


MARIANGELA CAMOCARDI


L'intervista...

Ciao Mariangela, benvenuta nel mio blog e grazie per la tua disponibilità.

Grazie  a te, Irene, per avermi invitata. Sono contenta di essere ospite del tuo blog, mi auguro anche di riuscire gradita alle amiche lettrici che lo frequentano.

Mariangela sei una delle più popolari  e amate autrici italiane di romanzi storici Mondadori.  E popolare è il tuo Camocardi touch. Ogni tuo romanzo è una certezza.  Ed io ho apprezzato molto la terza edizione di “Tempesta d’amore” e “ La signora del lago” che ho recentemente avuto il piacere di leggere. Come è stato il tuo esordio e come è nata la tua passione per la scrittura?

Dalla lettura, naturalmente. Sono una divoratrice di libri da quando ho imparato l’ABC. A un certo punto, leggendo altri autori, ho iniziato a ragionare in termini di: “Quel capitolo lo avrei esplicato in un modo diverso.” Oppure: “Quella situazione l’avrei descritta con una sequenza più incalzante…” insomma, è finita che, sebbene con molto scetticismo in proposito, ho provato a scrivere qualcosa io stessa, più che altro per vedere se ne ero capace, dato che la speranza di pubblicare un romanzo, allora come adesso, era abbastanza velleitaria. 
    
Esordisci appunto nella collana I Romanzi Mondadori  con “ Nina tricolore” come nasce questa storia, dove hai trovato l’ispirazione e l’idea?

Il Risorgimento è uno dei periodi, nella complessa Storia italiana, che preferisco quasi in assoluto. Forse perché nella piazza dove ho giocato da bambina c’era un monumento a Garibaldi, eroe tra i più  carismatici dell’Unità d’Italia. Per venire al romanzo, come tutti sanno il Lago Maggiore ha una sponda piemontese e una lombarda, e a volte sentivo narrare dai vecchi che quando gli austriaci erano stanziati nel Lombardo-Veneto, cioè sulla riva di fronte, alcuni patrioti ricercati dalla loro famigerata polizia riuscirono a sfuggire all’arresto e ad approdare a Intra, accolti e messi in salvo dalle autorità locali dell’epoca.  Gli austriaci arrivarono davanti al porto di Intra con un’imbarcazione armata di cannoni, esigendo la consegna dei cospiratori. La popolazione intera accorse però in massa e si schierò in difesa dei patrioti, pronti a respingere gli sbirri con forconi, roncole, bastoni e qualunque arma disponibile. Gli austriaci furono presi a loro volta a cannonate dal promontorio della Castagnola e dovettero battere in ritirata prima di venire colati a picco,  tornando a Laveno con la coda tra le gambe. Da questo episodio storico ho scritto Nina del Tricolore.         

La tua bibliografia è considerevole. Tra i tanti romanzi ce ne sono due che mi hanno  colpito per la loro trama “Il talismano della dea” e “Lo scorpione d’oro”. È solo una mia impressione o si discostano un po’ dal  tuo solito genere?

In realtà in parecchi miei romanzi c’è mistero, paranormale e sfumature gialle. In Appuntamento al buio, per citare un titolo, c’è un assassino che si aggira in un castello mietendo vittime. Con Lo scorpione d’oro mi sono voluta cimentare nel noir, mentre nel Talismano ho costruito una storia basata sulla reincarnazione e il soprannaturale, argomenti che conosco in modo approfondito. E benché la struttura di questi romanzi è articolata in maniera diversa dal romance classico, la parte romantica non viene penalizzata. L’amore fa parte del nostro quotidiano e io amo scrivere storie in cui anche i sentimenti sono protagonisti. Disconoscere tale assioma sarebbe assurdo: l’intreccio amoroso lo troviamo in quasi tutti i generi di narrativa.    
 
Chi è Mariangela Camocardi quando non è intenta a scrivere? Come trascorri le tue giornate?

Le mie giornate sono uguali a quelle di tante donne, suppongo: mi divido tra impegni familiari e  professionali. Adoro la lettura ma mi piace anche tenermi in forma, per cui pratico yoga e vado a camminare almeno un paio di volte la settimana. Trascorro parecchio tempo davanti al pc e gambe e schiena ne risentono. L’attività fisica non mi pesa affatto, tuttavia, e preferisco spostarmi con la  bicicletta anziché con l’auto (se non diluvia, ovvio). Cerco di usare la macchina solo per lo stretto indispensabile  perché sono ecologista e nel mio piccolo voglio contribuire a non inquinare il nostro malridotto pianeta. Dovremmo tutti rispettare la Terra e la Natura evitando di abusarne in modo così distruttivo. Non ne abbiamo altre di ricambio, temo. 
 
A quale dei tuoi libri ti senti più legata e perché? Da lettrice, invece, quale libro ti porti nel cuore e perché?

In testa alla classifica metto  Tempesta d’amore, Sogni di vetro, il Talismano della dea. Seguiti da I Pirati del lago, Nina del tricolore, Lo scorpione d’oro, Luna di primavera e Ciribalà. Quanto alle letture che prediligo, nel mio cuore serbo un numero incalcolabile di libri, dalle favole di Andersen alle avventure di Salgari. E poi Dickens, Stevenson e De Amicis , l’Iliade e l’Odissea, Virgilio e  l’Eneide. E Cronin, con E le stelle stanno a guardare,  Steinbeck con La valle dell’Eden, Canne al vento di Grazia Deledda, La ragazza di Bube di Cassola e moltissimi altri scrittori contemporanei, anche di romance. Insomma, dovrei fare un elenco interminabile dei libri che ho letto e amato, spaziando in ogni genere e argomento. Ognuno di essi mi ha dato qualcosa che mi ha arricchito, per cui preferirne uno in particolare piuttosto che un altro sarebbe come far un torto agli esclusi.        

Il quale momento della giornata e il quale luogo ti dedichi alla stesura dei tuoi romanzi? E negli anni le tue abitudine sono rimaste le stesse o sono mutate nel tempo?

 Forse sarebbe meglio dire che tranne quando dormo, Ia mia testa non stacca mai da ciò che sto scrivendo. Per farti un esempio, avevo terminato  da un po’  il Talismano della dea ma ho “sentito” addosso i suoi protagonisti per mesi. Impiego un certo lasso di tempo per uscire da un romanzo e dedicarmi a un nuovo progetto. Ho un mio angolo scrittura in soggiorno, ma mi porto il notebook ovunque, anche sul tavolo della cucina. Le abitudini di scrittura sono rimaste praticamente le stesse di quando scrivevo i primi romanzi con la mia Olivetti (che conservo ancora). L’unica innovazione consiste nel fatto  che ora elaboro una sinossi, spesso scritta a mano, e relative schede dei capitoli e dei vari personaggi.  Nella fase iniziale della stesura di un testo sono irrequieta e nervosa e devo occuparmi anche di attività manuali perché questo mi consente di selezionare le idee e mettere a fuoco la storia in embrione. Durante la revisione definitiva se potessi non mi staccherei mai dal computer. Ho tuttavia necessità fisiologiche che alla fine prevalgono… naturalmente ho sempre a portata di mano carta e penna, come il tenente Colombo, e alla fine mi ritrovo circondata da un’allucinante miriade di foglietti fitti fitti di appunti che a volte io stessa stento a decifrare.  

Il tuo sito  http://www.mariangelacamocardi.net/camocardi2/index2.htm all’apertura accoglie il visitatore con una frase: Vale sempre la pena di credere nei propri sogni. Quali sono i sogni di Mariangela Camocardi e quali i progetti per il futuro?

Ho ancora molti sogni da realizzare, Irene. I sogni sono il carburante che tiene acceso il motore dell’entusiasmo, essenziale nel nostro mestiere: gli sforzi per realizzarli traggono energia proprio dalle conquiste che si ottengono sul campo. Il Sogno più importante (notare la lettera maiuscola) è la libreria. Ci sono appena arrivata con Ciribalà, intendiamoci, ma trovare posto sugli scaffali con un romanzo destinato agli adulti o, perché no, con un romance, rappresenterebbe una bella soddisfazione per me. Scrivo da più di 20 anni e credo di essermi meritata di entrare in una libreria e vedere un romanzo firmato Mariangela Camocardi. Progetti ne ho anche troppi, figurati, tra cui creare un personaggio seriale, scrivere un noir che più noir non si può, pubblicare un fantasy per ragazzi a cui tengo molto perché l’ho dedicato ai mie tre nipoti Matteo, Elisa e Miriana, eccetera…   
   
Io ti ringrazio di cuore per la tua disponibilità a questa intervista e ti saluto. Vuoi aggiungere qualcosa?

 Sono io a ringraziare te, Irene per l’opportunità che mi hai dato di raccontarmi alle lettrici! Mi limito ad aggiungere una sola cosa, anzi, a lanciare un appello alle case editrici affinché smettano di considerare la narrativa di intrattenimento come il romance la Cenerentola dell’editoria. Esiste un pubblico - abbastanza cospicuo stando alle statistiche - che vuole leggere belle storie d’amore, anche di autrici italiane. Un pubblico che deve essere rispettato quanto i lettori che prediligono altri generi. Non se ne può più di editori che  fanno solo strategie di convenienza elitaria ed economica sui libri da pubblicare, tagliando fuori tutto ciò che per loro è poco proficuo in termini di guadagno.     

Il romanzo che potreste ricevere dopo aver commentato...

La signora del lago 




La trama...

Fingendosi un'istitutrice, Enrichetta Donati accede all'aristocratica dimora del conte Montefuschi. Enrichetta però ha un piano segreto: vendicare la sorella, sedotta dal cinico libertino Almerico, erede del gentiluomo. I progetti della giovane donna sono però ostacolati dall'intervento del fantasma di Rabella, che si aggira tra le antiche mura, e dalle insidie di Teodora, l'altera contessa. Ma un'indesiderata attrazione per Almerico sconvolge il suo cuore: potrà Erichetta davvero ignorarla?

Un romanzo carico di passione e ricco di suspance. Da non perdere! 

Commentate: potreste ricevere il romanzo autografato  "La signora del lago" offerto dall'autrice stessa! 
Avete tempo fino al 30 settembre!!!



20 commenti:

  1. Complimenti irene ^^ seguirti è sempre un piacere anche se non posto sempre dei commenti... le tue interviste sono belle, dettagliate e scritte molto bene...
    complimenti...

    Di Mariangela Camocardi ho letto solo Tempesta d'Amore e devo dire che mi è rimasto nel cuore... il suo modo di scrivere, di coinvolgere il lettore è fantastico... complimenti davvero ^^
    speriamo di aver fortuna con questo sorteggio ^^
    chi lo sà :D
    Ciao ancora
    Arianna1989

    RispondiElimina
  2. Cara Irene, di nuovo grazie per avermi ospitato nella tua bella casa letteraria. Mi sono sentita un'amica accolta a braccia aperte, più che un ospite.
    Un abbraccio a te e a tutte le altre amiche che frequentano questo bellissimo blog.
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  3. Grazie Mariangela!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Grazie Arianna, gentilissima!

    RispondiElimina
  5. Lei oltre ad essere una certezza è anche emozione allo stato pure. Oltre ad una brava scrittrice una persona bellissima.
    Un bacione ^^

    RispondiElimina
  6. Arianna, Irene, Alessandra, un grande abbraccio da parte mia!
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  7. Bellissima intervista Irene.
    Mariangela... è sempre meraviglioso leggere un tale entusiasmo in un'autrice brava ed affermata come te!
    In bocca al lupo per tutti i vostri progetti!

    RispondiElimina
  8. Si scopre sempre qualcosa di nuovo su questa autrice mai banale e lontana da qualunque forma di ipocrisia. Posso capire infatti che affermarsi nel panorama letterario con un nome italiano non è stato facile, ma basta guardarla in faccia per capire la forza che c'è dietro a quel sorriso luminoso. Personalmente adoro i suoi romanzi e la persona semplice e diretta che è Mariangela Camocardi,
    Una bella intervista.
    Livia

    RispondiElimina
  9. Per ora di questa autrice ho letto solo "L'angelo della notte" che ho apprezzato sia per la trama che per lo stile.
    Emy

    RispondiElimina
  10. Sono molto grata a tutte le amiche che hanno lasciato commenti così affettuosi per me, ma soprattutto a Irene per aver voluto fare quella bella intervista con me. Un abbraccio anche a Libera (l'entusiasmo è quello che ci fa andare avanti), ma anche a Livia per l'affetto con cui mi segue.
    @ Emy, in edicola per tutto settembre trovi Tempesta d'amore, se vuoi leggere qualcos'altro scritto da me. Grazie per il commento.
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  11. Eh si, veramente interessante. Sei bravissima davvero! sai cogliere i veri punti necessari di un'intervista!

    principessa-rospetta@hotmail.it

    RispondiElimina
  12. Bellissimo!
    Partecipo con estremo piacere!


    sun.fairy@hotmail.it

    RispondiElimina
  13. Entro in questo blog per lasciare un commento a Francesca Baldacci e trovo anche te, con questa bellissima intervista.
    Quindi un abbraccio e un augurio affinché tutti i tuoi progetti si concretizzino.
    Ornella Albanese

    RispondiElimina
  14. Cara Ornella, grazie per il commento. Sto leggendo la tua ultima fatica, Il profumo dei sogni ( un po' a rilento perchè sono in fase controlli), e scorre che è un piacere. Ti auguro anch'io che i tuoi, di sogni, diventino una bella realtà.
    Un bacio
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  15. Grazie anche a Francesca la chicca e ad Alessia, per aver lasciato un commento.
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  16. Cara Mariangela,
    ho letto la tua bella intervista e devo dirti che mi ha molto colpito la tua considerazione finale, sulla narrativa di intrattenimento: hai perfettamente ragione. Perché il "nostro" genere (e con ciò comprendo sia romance che storie per riviste) deve essere considerato inferiore rispetto ad altri, quando possiede una sua concreta dignità e autrici preparate? Con quale diritto si catalogano in modo diverso scrittori e lettori?
    Un abbraccio, ciao
    Francesca Baldacci

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  18. Il commento sopra è stato eliminato perchè doppio, a titolo informativo :-)

    RispondiElimina
  19. Cara Francesca, grazie del commento che mi hai lasciato. Come te, trovo ingiusto che si persista a giudicare "robetta da donne" un romanzo di sentimento, con tutti i soldi che fa guadagnare agli editori persino in tempi di crisi come questo. Personalmente non mi ritengo inferiore a scrittrici di altro genere, ma mi rendo conto che c'è solo una strada per ribaltare questa situazione: scrivere bene e offrire testi di qualità poi magari chi legge manco l'apprezza!).
    Un abbraccio
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  20. Molto interessante l'intervista e davvero intrigante il libro! Sono arrivata qui facendo "zapping"... E ne sono contenta!

    RispondiElimina

Lascia un commento, ne siamo lieti. Ricordati di adottare sempre un linguaggio civile e appropriato.
NO SPAM!
Lo staff di Tuttosuilibri.com

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...