giovedì 30 settembre 2010

Dedicato a... In Anteprima recensione di A- L'alfabetista e intervista a Torsten Pettersson

Interview

Welcome to the blog “Tutto sui libri” and thank you for your availability.
Thank you for your kind interest.
Your debut novel is a cruel and ruthless thriller which has obtained great success in Scandinavia and is now due to be published in other countries: “A – The Alphabetist”, the first part of a trilogy. How did the idea for this enthralling plot originate?
I have always enjoyed well-made plots, whether they occur in a nineteenth-century French “well-made play”, a “Racconto romano” by Moravia or a film like Seven. Some five years ago I was inspired to start constructing plots myself. One of the beginnings was a single situation: what happens if a person finds a newly dug grave in the forest and realizes it has been prepared for a dead human body? He reports it to the police but they do nothing so he has to do something himself. What kind of a person does he need to be in order to have the courage to watch the grave himself, waiting for the killers to bring the body? That was one starting point, adn then this plot was combined with the actions of other people to produce a complex pattern of interfering wills and aspirations. The result, after years of work, was A. L’alfabetista.
It gives me pleasure to develop such plot patterns and then, during the writing, try to be like the detective and the reader and forget that I know what is going to happen. At the same time I find it fascinating to get to know my characters: the mysterious feeling that, although I have created them, they are independent live people whose personalities I gradually uncover.
Yours is a very original point of view, is the narrating voice really that of the killer? How has it been to penetrate and analyse the mind of such a pitiless killer?
Yes, the first narrating voice is indeed that of the killer and it occurs more than once in the novel. This means that the reader is placed in the mind of the killer but without knowing who he or she is! It is an unusual and a scary effect but I believe that the human imagination, both the writer’s and the reader’s, can stretch that far. Perhaps all human minds contain something of other minds, good and bad; in novels we share that secret.
In this book, the imagination stretches in other directions too: one narrating voice is that of the main detective, but two others are those of the killer’s victims, a young woman and an elderly man who narrate their life stories. In this way readers can really enter into their lives and feel the tragedy of those pulsating lives being brutally cut short.
Generally speaking, I feel very close to the readers when I write. I experience a constant dialogue with them, a need to take them through the world of the novel in a way that offers as much as possible of excitement, astonishment and human insight. It is in fact a misunderstanding that the writer’s profession is a lonely one. In a superficial sense, I am alone at my computer, but in my thoughts I communicate with the readers all the time, much as a person writing a letter thinks of its recipient.
An obligatory question for the blog: Who is Torsten Pettersson in everyday life?
My life is to a considerable extent defined by my involvement in literature. I am a professor of literature at Uppsala University in Sweden, the oldest university in Scandinavia. This means that I read and analyse literary works from many countries on my own, to produce research on them, and together with my students, to train them do the same. I also produce literature myself: nine collections of poetry before I was inspired to start writing novels some five years ago.
Thus my life is very much taken up with writing books and planning new books in my head. I am happy when this goes well and less happy when I have difficulty writing. However, I also have a precious hobby: music, and in particular opera. I spend a lot of time listening to CDs and going to the opera. Among other works, the great operas of Rossini, Bellini, Donizetti, Verdi, and Puccini, are a constant and important presence in my life. Not many days go by without my listening to them or at least thinking about them.
As a reader and a professor, which book do you carry in your heart and why?
Let me take the liberty of giving an answer that embraces both my great interests, literature and music: Don Carlo by the German eighteenth-century writer Friedrich Schiller – and by Giuseppe Verdi. It is a great classic play of bitterness and lost love, of political oppression and revolt, and it is a very great opera. In terms of music, it has competitors like Rigoletto and La Traviata, but in terms of complex, convincing, and deeply moving human characters and destinies, it has a unique power.   
Have you any other literary project in progress? Can you tell us anything in advance?
I continue work on the trilogy of which A – L’alfabetista forms the first part (original title: “Give me your eyes”). The second part called “Hide me in your heart” has just been published in Swedish. Here Police Commissioner Harald Lindmark and his team are confronted with a new disturbing case: when the mother of a nine-year old girl goes to wake her for school, she is not in her bed. I also have another literary project, that of translating Finnish poetry into Swedish to create an anthology which allows Scandinavian readers access to a rich tradition of which they are now unaware.  
Thank you very much for your time; I send you my best regards. Do you want to add anything else? 
Merely to offer many thanks for your questions which have encouraged me to reflect on aspects of the things that I care about.  

 Recensione 

 “A – L’alfabetista” - Newton Compton Editori - primo capitolo di una serie. Un thriller inquietante e molto crudo, ambientato a Forshälla, cittadina della Finlandia. Originale il modo di affrontare la storia: tanti piccoli tasselli che, uno con l’altro incastrati, fanno luce sugli eventi che girano intorno ai delitti. La voce narrante si alterna: il commissario Harald e l’assassino. Ma ogni personaggio chiave, in un modo o nell’altro, racconterà la sua storia, riuscendo a tratti a toccare le corde dell’anima.
Uno serial killer spietato denominato “il Cacciatore” e una squadra di polizia che  ipotizza empiricamente ogni possibile soluzione per scovare  il folle che uccide brutalmente e apparentemente senza un modus operandi preciso. Due gli elementi che contraddistinguono  i delitti: una lettera incisa sulla vittima e l’assenza degli occhi.
Un viaggio nei meandri della mente di un assassino e lo sfogo attraverso la coscienza, i pensieri e la vita di un commissario. Un thriller che vuole scavare nelle motivazioni e la fatalità che spingono ognuno di noi a fare una scelta piuttosto di un’altra. E la scelta fatta ci condurrà in una direzione sconosciuta. Un intricato enigma da risolvere. Chi sarà davvero il Cacciatore? Uno psicopatico emarginato o un astuto calcolatore? Per saperlo non vi resta che leggere A- L’alfabetista!

 L'intervista
 
Benvenuto nel blog “ Tutto sui Libri” e grazie per la sua disponibilità.
La ringrazio del Suo gentile interessamento.

Lei esordisce con un thriller crudele e spietato che ha riscosso un grande successo in Svezia e che ora sta per esser pubblicato in diversi Paesi: “A- L’alfabetista”. Primo capitolo di una trilogia. Come è nata l’idea di questa sua avvincente trama?
Mi sono sempre piaciute le trame ben fatte, sia che esse avvengano in un dramma francese del diciannovesimo secolo,in un “Racconto romano” di Moravia o in un film come Seven. Circa 5 anni fa sono stato ispirato a ideare io stesso delle trame. Una delle prime fu una situazione singolare: cosa succederebbe se una persona scoprisse la buca di una tomba appena scavata nel mezzo di un bosco e capisse che è destinata per il corpo deceduto di un essere umano? Egli comunica subito il fatto alle autorità ma esse non fanno nulla e allora decide che spetta a lui fare qualcosa. Che genere di persona deve diventare per trovare il coraggio di restare ad osservare la tomba vuota in attesa che i killer portino il corpo? Questo era un punto di partenza, poi questa trama si intreccia con le azioni di altre persone per produrre un complesso di segno di idee e aspirazioni che interferiscono tra loro.  Il risultato, dopo anni di lavoro, è stato A-L’alfabetista.
Provo piacere nello sviluppare trame così intricate e successivamente, durante la stesura, cercare di essere come il detective e il lettore e dimenticare di conoscere già quello che sta per accadere.
Nello stesso momento trovo entusiasmante conoscerei miei personaggi: anche se li ho creati io, c’è la misteriosa sensazione che essi siano persone vive, indipendenti di cui scopro gradualmente la personalità.


Un punto di vista originale il suo, la voce narrante è proprio quella del serial killer? Com’è stato analizzare e addentrarsi nella mente di un assassino spietato?
Sì, la voce narrante è infatti quella del killer e lo ritroviamo più volte nel romanzo. Questo significa che il lettore si trova nella mente del killer ma senza sapere chi lui o lei sia. E’ un effetto inusuale e spaventoso ma io credo che l’immaginazione umana, sia quella dello scrittore sia quella del lettore, possa andare tanto in là.
Forse tutte le menti umane contengono qualcosa di altre menti, sia cose buone che cose cattive; nei romanzi condividiamo quel segreto.
In questo libro, l’immaginario si allunga anche in altre direzioni: una voce narrante è quella del detective principale, ma altre due sono quelle delle vittime del killer, una giovane donna e un uomo anziano, che raccontano la storia della loro vita. In questo modo i lettori possono entrare nelle loro vite e percepire la tragedia di queste vite pulsanti che vengono brutalmente stroncate.
In generale mi sento molto vicino ai lettori quando scrivo. Sono in costante dialogo con essi, sento il bisogno di portarli attraverso il mondo del romanzo in un modo tale che possa offrire più eccitazione possibile, stupore e umana immaginazione.
È infatti un malinteso che la professione dello scrittore sia una professione solitaria, in modo superficiale io sono solo davanti al mio computer, ma nei miei pensieri comunico con i miei lettori costantemente, allo stesso modo in cui una persona che scrive una lettera pensa a chi la deve ricevere.

Una domanda d’obbligo per questo blog:  chi è Torsen Petterson nella vita di tutti i giorni?
La mia vita è, per una considerevole estensione, definita dal mio coinvolgimento nella letteratura. Sono un professore di letteratura all’Università di Uppsala in Svezia, la più vecchia università Scandinava.
Questo significa che leggo e analizzo lavori letterari provenienti da vari paesi, da solo, per produrre ricerche si di essi , e insieme ai miei studenti, per insegnare loro a fare lo stesso. Inoltre produco io stesso letteratura: 9 raccolte di poesie prima di essere ispirato a iniziare a scrivere romanzi più o meno 5 anni fa.
La mia vita è soprattutto impegnata nello scrivere libri e idearne altri. Sono felice quando questo va bene e meno felice quando ho difficoltà a scrivere. Comunque ho anche un hobby prezioso: la musica e in particolare l’opera. Passo molto tempo ad ascoltare CD e andando a teatro a vedere l’opera.
Tra le altre opere, quelle di Rossini, Bellini, Donizetti, Verdi e Puccini sono una costante e importante presenza nella mia vita. Non possano molti giorni senza che io li ascolti o almeno pensi ad essi.

Da lettore e da professore quale libro si porta nel cuore e perché?
Lasci che mi prenda la libertà di dare una risposta che coinvolga entrambi i miei interessi, la letteratura e la musica: Don Carlo dello scrittore tedesco del diciottesimo secolo Friesdrich Schiller - e di Verdi. È una grande opera classica sell’amarezza e sull’amore perduto, sull’oppressione politica e sulla rivolta ed è una grande opera. In termini musicali può competere con Rigoletto e la Traviata, ma in termini di complicità, convincimento, di profondi caratteri umani e destini, ha un potere unico.

Ha altri progetti letterari in corso d’opera? Ci può anticipare qualcosa?
Continuo a lavorare sulla trilogia di cui A- L’alfabetista forma la prima parte ( il titolo originale :” Dammi i tuoi occhi”). La seconda parte che si intitola “Nascondimi nel tuo cuore” è stato appena pubblicato in lingua svedese. Qui il commissario di polizia Harald Landmark e la sua squadra si confrontano con un nuovo caso angosciante: quando la madre di una bambina di 9 anni la va a svegliare per andare a scuola, non la trova nel suo letto.
Inoltre ho un altro progetto letterario, quello di tradurre la poesia finlandese in svedese per creare un’antologia che permetta ai lettori scandinavi l’accesso a una ricca tradizione di cui adesso sono all’oscuro.

Io la ringrazio molto per la sua disponibilità e la saluto cordialmente. Vuole aggiungere
qualcosa?
Solo per offrire i miei ringraziamenti per le Sue domande che mi hanno incoraggiato a riflettere su aspetti delle cose a cui tengo.

Intervista e recensione a cura di Irene Pecikar
Traduzione a cura di Sara Bencich






mercoledì 29 settembre 2010

Intervista a Silvio Donà autore di PINNOCCHIO 2112

Pinocchio 2112  
Autore: Silvio Donà
Editore: Leone Editore
Pagine: 176, Brossura
Prima edizione: 2009
ISBN: 978-88-6393-019-1

La trama
Un’umanità imbarbarita, immemore della propria storia, vive confinata nel sottosuolo dove  ha creato una società in cui vige la legge del più forte.
Cosa è successo sulla superficie della Terra?
Tra i pericolosi vicoli di un mondo che non gode della luce del sole si muove  un "cercatore" a caccia di una merce molto particolare: i libri, unici testimoni di un passato felice e perduto.
Il suo strano mestiere lo porterà a confrontarsi col più pericoloso capo banda della sua città, ma soprattutto a trovare qualcosa di ancor più prezioso dei rari volumi che cerca: l’affetto di un bambino, l’amore di una donna e una sorprendente, devastante Verità.
"Io procuro gli oggetti più assurdi che si possano desiderare in un mondo in cui il vizio è regola e l’eccesso non è punito, in cui chi ha la forza può tutto e chi è debole non ha che se stesso da vendere. E se non vale molto agli occhi di nessuno, allora può solo fuggire e subire. O scegliere di smettere di soffrire. E morire...  Io procuro il passato."


 L'intervista
 Ciao Silvio, benvenuto nel mio blog e grazie per la tua disponibilità.

Grazie di cuore a te per l’intervista. Per un esordiente è molto importante avere occasioni di farsi conoscere e di presentarsi ai lettori.

Silvio Donà, un vampiro che la notte si nutre di parole, così ti definisci nel tuo sito. Cosa rappresentano le parole e la scrittura per te?

Scrivere è una passione che viene da lontano. Ho cominciato prestissimo a inventare storie. Da bambino passavo ore e ore a giocare da solo con eserciti di soldatini immaginando complesse avventure. E quando giocavo con gli amici ero io quello che decideva la storia, i principali sviluppi, i colpi di scena. “Facciamo che eravamo…”; “…e poi succedeva che…”; “… allora scappavamo e…”.
Gli altri si fidavano, mi lasciavano l’iniziativa perché le storie che imbastivo, mescolando trame di film, spunti di romanzi e voli della fantasia, erano divertenti.
I primi abbozzi di racconti messi su carta risalgono ai 12 o 13 anni. I primi racconti che potevano chiamarsi tali posso farli risalire agli ultimi anni delle superiori. I primi riscontri in concorsi e premi letterari sono arrivati negli anni dell’Università.
Un lento e paziente processo attraverso cui ho messo insieme la mia “cassetta degli attrezzi”. Un percorso con non pochi errori, fraintendimenti, ripensamenti, fino a raggiungere un livello di scrittura accettabile, capace di darmi delle soddisfazioni.
Le parole, mi chiedevi. Le parole sono i “mattoncini Lego” di cui è pieno il mio cervello.
Il fatto è che, in un certo senso, io scrivo in continuazione dentro la testa. Fantastico, immagino, invento. Una incontrollabile “deformazione professionale”.
Che come scrittore, però, mi torna utile.
Scrivo principalmente di notte non solo e non tanto per romantiche questioni di “atmosfera” o perché soffro di insonnia, ma piuttosto per necessità. Di notte la famiglia dorme e io non ho la sensazione di “rubargli” del tempo.

E di giorno, chi è Silvio?

Di giorno Silvio è il marito di Imma e il papà di Francesco (13 anni) e Andrea (9 anni) e il collega di Mimmo, Monica, Manuela, Marina, Paola e tanti altri nell’ufficio legale di una pachidermica banca.
Di giorno Silvio fa i conti col suo stipendio per arrivare alla fine del mese senza troppi affanni e guida una Punto nera vecchio modello lungo le strade trafficate di Bari per accompagnare i ragazzi in piscina o agli scout.
Di giorno Silvio ha spesso la testa tra le nuvole e chi lo conosce poco può pensare che sia un po’ stranito e tanto distratto. Invece spesso, di giorno, Silvio rigira nella testa le storie che proverà a mettere su carta la notte (se il sonno lo consente).

Uno scrittore in potenza e un avvocato in atto, fino a poco tempo fa… Ma ora ti senti più scrittore o avvocato?

No no, niente avvocato, ho una laurea in legge ma non ho mai fatto gli esami per l’abilitazione alla libera professione. In realtà Giurisprudenza è stato un errore di percorso. Volevo fare Lettere, ma poi mi sono fatto spaventare dalle “sirene” che pronosticavano un futuro di probabile disoccupazione e ho ripiegato sugli studi giuridici.
D’altronde non mi sento nemmeno scrittore, non nel senso di “un professionista della scrittura che vive del suo scrivere”. Del resto quelli che in Italia riescono a vivere vendendo i propri libri sono davvero pochi e molti anche tra gli scrittori considerati “affermati” devono affiancare altre attività alla scrittura per riuscire a “campare”.
Se per scrittore intendiamo, invece, una persona che adora scrivere e che nello scrivere mette le sue energie migliori allora ero uno scrittore anche prima di pubblicare.

Il tuo libro si intitola “ Pinocchio 2112”  perché la scelta di questo titolo?

A essere sincero non l’ho scelto io. In origine il romanzo aveva un altro titolo (del quale, peraltro, neppure io ero molto convinto). Una delle cose che ho scoperto firmando il mio primo contratto editoriale è che l’autore rinuncia a ogni diritto circa la scelta del titolo e la copertina del libro. Questo perché la casa editrice sa che sono i due biglietti da visita di un romanzo e che possono essere molto importanti per la sua riuscita “commerciale”, per cui vuole, logicamente, poter decidere in autonomia.
In realtà poi sono riuscito a metterci un po’ del mio in entrambe le scelte. Nel senso che la copertina è quella che mi piaceva di più e che ho fortemente caldeggiato tra quelle ipotizzate dalla casa editrice. E se l’editore ha voluto fortemente il richiamo a Pinocchio nel titolo, è stata poi mia la scelta della data 2112 (che è nient’altro che l’anno in cui si svolge la storia). Mi piaceva il fatto che fosse palindroma e che ricordasse in qualche modo la data del 2012 di cui tanto si chiacchiera (a sproposito) in questo periodo.
Il richiamo a Pinocchio dipende dal fatto che sia il protagonista sia il suo antagonista, Scipione Reda, hanno imparato a leggere da bambini su una copia di quel libro e la data suggerisce che la storia è ambientata nel futuro. Ecco spiegato il titolo.

Il tuo è un romanzo di fantascienza e il protagonista è un “cercatore”. Ce ne parli un po’?

Io non sono prettamente uno scrittore di fantascienza. “Pinocchio 2112”, infatti, non gioca su “effetti speciali” o invenzioni strabilianti, ma si regge piuttosto su una storia solida, un personaggio credibile (un “antieroe” molto umano) e un ritmo sostenuto.
L’ambientazione fantascientifica è un “abito” di cui ho rivestito il romanzo.
Quando ho cominciato a scriverlo (la prima stesura risale al 2006) l’ho considerato un po’ una sfida con me stesso. Mi sono chiesto, infatti, se sarei stato capace di scrivere una storia di quelle piene di colpi di scena, capaci di tenere legato il lettore dall’inizio alla fine.
Spero di esserci riuscito. Chi lo ha letto, finora, me ne ha dato atto.
L’idea di partenza è che nell’anno 2112 l’umanità, per ragioni che gli uomini stanno ormai dimenticando, si sia ridotta a vivere nel sottosuolo del pianeta. Un mondo imbarbarito in cui ogni organizzazione statale, ogni struttura democratica è ormai scomparsa e il controllo è nelle mani di potenti bande criminali. Scarseggia il cibo, ma abbondano droghe sintetiche dagli effetti devastanti e molti sono ridotti a vivere in condizioni animalesche, al punto da essere definiti spregiativamente “uomini-topo”.
In questo universo buio e asfittico il protagonista, Angelo, ha scelto il più assurdo e incongruo dei lavori: è un cercatore di libri. Fruga il sottosuolo alla ricerca degli ultimi volumi scampati alla distruzione e all’incuria e, dopo averli letti, li vende alle poche persone che ancora sanno leggere e ne comprendono l’importanza.
I libri sono, quindi, nel mio romanzo, l’ultima traccia del passato e, proprio per questo, l’ultima speranza di un nuovo futuro.
Nel corso di una delle sue scorribande Angelo incontra e prende con sé un piccolo orfano. Dal quel momento la sua vita cambia radicalmente, stravolta dal nascere di un profondo e inaspettato sentimento di paternità. Per la prima volta Angelo avverte forte e pressante la “responsabilità” di un altro essere umano.
Il suo strano lavoro lo porterà a incrociare la strada di Scipione Reda, il capo della più potente organizzazione criminale della città sotterranea.
Grazie a lui Angelo scoprirà una nuova, devastante verità.
Niente, infatti, è davvero come appare.

Qual è il genere letterario a cui ti senti più legato e perché?

In verità non mi sento legato a un “genere” in particolare, ma mi piace invece sperimentare, mettermi alla prova, scrivere storie diversissime tra loro.
Così negli anni, accanto a romanzi “tradizionali”, ho provato a scrivere un giallo, un romanzo horror, un romanzo ironico-grottesco e, appunto, anche un romanzo fantascientifico. E’ stato un caso che proprio quest’ultimo abbia avuto la fortuna di interessare un editore.

Stai già scrivendo qualcosa di nuovo? Ci puoi accennare?

Con tanti anni di lavoro e di scrittura alle spalle ho diversi lavori già pronti nella memoria del mio computer, alcuni dei quali hanno avuto anche dei riconoscimenti in concorsi e premi letterari. Perciò dopo la pubblicazione di “Pinocchio.2112” ho lavorato più alla sistemazione di un paio di “vecchi” romanzi che alla stesura di un nuovo libro,
per proporli al mio editore. Spero che in tempi ragionevoli a questo primo romanzo ne possa seguire un altro, ma oggi non sono ancora in grado di dire di quale genere sarà. Ci sono diverse cose al vaglio dei redattori della Leone Editore. Vedremo.

Io ti saluto e ti ringrazio. Vuoi aggiungere qualcosa?

Voglio ringraziarti di nuovo per l’attenzione che mi hai concesso e vorrei invitare i lettori a tenere gli occhi aperti e guardarsi intorno, senza farsi condizionare troppo dalla pubblicità e dalla promozione delle grandi case editrici.
E’ vero che ci sono piccoli editori che pubblicano anche la lista della spesa se l’autore versa un congruo contributo, ma in mezzo a essi che ne sono altri molto seri, che fanno un lavoro di tutto rispetto e che propongono nuovi autori talvolta di ottimo talento.
Il più delle volte, infatti, le grandi case editrici “pescano” i loro nuovi autori proprio da qualche piccolo editore che ha avuto l’occhio attento e la lungimiranza di dare spazio a qualche “buona penna”.
Felice lettura a tutti!

Per approfondire la conoscenza di Silvio Donà e del suo romanzo "Pinocchio 2112"  clikka QUI

martedì 28 settembre 2010

Recensione: Paranormal Love di Gena Showalter

PARANORMAL LOVE

di  

SHOWALTER GENA

La trama

Mi chiamo Belle Jamison, e fino a poco tempo fa ero una ragazza come tante altre. Poi ho scoperto di avere dei poteri paranormali, ho incontrato Rome Masters, e tutto a un tratto la mia vita è precipitata nel caos. Lui è l'uomo più sexy che abbia mai visto, e insieme facciamo scintille. Letteralmente. C'è solo un problema: deve uccidermi.

L'opinione

Lettura fantasy dai ritmi diversi: con un avvio leggero, tanto da sembrare una storia divertente e spiritosa, la vicenda a uno sviluppo inaspettatamente segnato dalla suspance e dall’ignoto.
Lo sfondo accontenta anche chi ama le storie ricche di desiderio che, per essere appagato, deve aspettare…

 by Cristina per Tuttosuilibri

Titolo: PARANORMAL LOVE
Autore: Gena Showalter
collana: BlueNocturne 
Editore: HarlequinMondadori
Vai al sito editore QUI






lunedì 27 settembre 2010

Intervista a MICHELA ZANARELLA

Ciao Michela, benvenuta nel mio blog e grazie per la tua disponibilità.
 Chi è Michela Zanarella? Presentati ai nostri lettori con cinque aggettivi…

Se devo definirmi con degli aggettivi potrei dire che Michela Zanarella è sensibile, introversa, riservata, altruista e determinata.

Hai partecipato con successo a molti Concorsi di Poesia dove ti sei classificata sempre ai primissimi posti, quando non hai vinto. Una spiccata vocazione di poetessa.  Da pochi mesi è uscita però anche la tua raccolta di racconti “Convivendo con le nuvole”. Come è avvenuto il salto dalla poesia al racconto?

E' il racconto la strada reale che porta alla poesia, è un pò come l'inconscio e la coscienza. E' attraverso il sogno che si scandaglia l'inconscio ed è proprio il sogno la chiave d'apertura del portone d'oro della coscienza. Il racconto non è altro che un'apertura di espressione che rappresenta il substrato della poesia, è la terra fertile delle emozioni da cui la poesia stessa può scaturire...ma non è detto.
Da piccola amavo raccontare delle storie da me inventate, che parlavano di fiori,  farfalle, natura, dei miei affetti, e quindi è dal racconto che nasce la mia coscienza poetica. Con il racconto torno alle origini, a quelle visite che sono insite ormai nella mia anima.

Convivendo tra le nuvole” è, come appena detto una raccolta di racconti, otto per la precisione dal titolo molto filosofico che riporta ad Aristofane.  Cosa ti sei proposta di trasmettere con questi racconti e in quale genere li collochi?

Con i miei racconti mi sono proposta di trasmettere quei valori quasi "dimenticati" nella società odierna, ogni piccolo gesto della quotidianità può avere un valore immenso se si sa ascoltare e apprezzare la bellezza della vita e del mondo che ci circonda.
E' proprio necessario imbrigliare i moti dell'anima rappresentati da una poesia o da un racconto in un genere prestabilito?

Quanto è importante la scrittura per Michela Zanarella?

La scrittura per me è un'esigenza, non riuscirei a farne a meno.
E' una fonte di vita per la mente e per l'anima assolutamente indispensabile.
Non sarei me stessa se abbandonassi la scrittura, è una parte integrante della mia personalità.

Che consiglio daresti per chi come te scrive poesie e racconti e ha il desiderio di pubblicarli? Come si fa ad emergere?

Chi si avvicina alla scrittura deve sempre credere nelle proprie capacità, non deve mai abbattersi di fronte a critiche od ostacoli.
Per la pubblicazione ci sono tantissime possibilità di ogni genere, sta all'autore saper valutare e scegliere la via migliore per sentirsi realizzato.
Non c'è un segreto per emergere, io credo conti molto la forza di volontà nel voler raggiungere i propri obiettivi, il coraggio e la stima in se stessi.


Quali sono i tuoi prossimi progetti? Poesia o racconti, entrambi?

Sto lavorando a diversi progetti, tra i quali una raccolta poetica ed un romanzo.
Preferisco non anticipare i contenuti.


Ti ringrazio e ti saluto. Vuoi aggiungere qualcosa?

Ritengo possa bastare.


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...