giovedì 22 settembre 2011

Dietro la Maschera di Unabomber

CopAltanMascheraUnabomberHD




Titolo: Dietro la Maschera di Unabomber
Autore: Francesco Altan
Editore: Robin Edizioni
Pagg.:263

Commento



Unabomber: un nome che per chi vive nel Nordest è tuttora sinonimo di paure mai sopite, mai completamente allontanate - presenza, anzi non-presenza inquietante e occulta, quanto misteriosa. Un nome che per 13 anni ha sconvolto le quotidiane abitudini di migliaia di persone.
Chi si cela dietro la maschera di Unabomber? Una persona sola? Più persone? Da quale contesto sociale proviene? Che storia familiare ha alle spalle?
Che percorso personale può averlo portato a confezionare ordigni esplosivi, all’apparenza innocui come ovetti Kinder, pennarelli, tubetti di conserva, ceri votivi e poi tubi esplosivi che colpivano nel mucchio, ma soprattutto donne e bambini?
Come esplorare il lato oscuro della mente umana, della solitudine, ma anche del disagio psichico, delle manie, forse dell’impotenza o dell’impossibilità a stabilire rapporti normali con l’altro sesso?
Ecco i punti  di partenza di un’indagine quanto mai complessa e delicata che si troverà ad affrontare il pool di investigatori appositamente costituito per tentare di smascherare il bombarolo. I migliori elementi della polizia investigativa, ognuno con competenze specifiche, vengono “blindati” in un luogo segreto o sguinzagliati sul territorio alla ricerca di indizi, prove, avvicinando persone all’apparenza innocue e dai comportamenti normali. Si raccolgono confidenze, si fa uso di intercettazioni ambientali e lunghi ed estenuanti pedinamenti e appostamenti, in poche parole si scandaglia a fondo la vita di ognuno dei possibili sospetti.

Per dare un volto alla follia, un motivo al terrore si mettono in campo le più avanzate tecniche investigative con vasto impiego di risorse e mezzi.
Francesco Altan si addentra  e conduce il lettore nei labirinti della mente, negli abissi di questo universo parallelo: insondabile, avulso e così distante dalla nostra realtà, dalla nostra vita scandita da ritmi usuali, familiari e plasmata da una serena quotidianità, fatta da gesti semplici e consuetudinari: in parole povere la nostra normalità. Normalità che può essere sconvolta in un attimo e annientata. Ma il libro ci racconta anche della vita blindata di uomini e donne che vivono per mesi, talvolta anni, lontano da tutto e da tutti, dagli affetti, dalla famiglia, dagli amici, alcuni in completo isolamento dal resto del mondo, ma che sanno mettere da parte gli individualismi per diventare un unicum, unico organo pulsante e pensante: ognuno al servizio dell’altro, pronto anche al sacrificio.
Ad ogni membro del pool l’autore dedica ampio spazio narrativo, descrivendone le grandi doti umane e l’altruismo- ma anche le incertezze, le indecisioni, i piccoli drammi personali, i cedimenti emotivi e amorosi ad umanizzare  gli aspetti più squisitamente tecnici.

La caccia all’uomo è iniziata: che i lettori vivano quest’insolita esperienza dal di dentro, condividendo con gl’investigatori questa indagine ancora così viva e attuale.
Una tematica urgente e necessaria scritta con un approccio innovativo per tentare di capire che quanto ci circonda non è sovente quello che appare o quello che vorremmo apparisse.

Maria Irene Cimmino

1 commento:

  1. Trovo questo post molto interessante e acuto, Maria Irene. Un libro questo di Altan che gli amanti del genere non possono perdere. Inoltre sarà ospite a Grado Giallo! Io non me lo perdo di sicuro :-)

    RispondiElimina

Lascia un commento, ne siamo lieti. Ricordati di adottare sempre un linguaggio civile e appropriato.
NO SPAM!
Lo staff di Tuttosuilibri.com

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...