lunedì 2 gennaio 2012

Recensione e Intervista: AFTER THE SUN di Angela Grillo

Titolo: After the sun
Autore: Angela Grillo

Editore: Lampi di stampa
pag. 252


Trama:

Stella è una ragazza ventitreenne di Milano, molto solare e piena di vita, nonostante un passato difficile alle spalle. Da cameriera in un piccolo Bar Karaoke della sua città, gestito insieme alla zia Lizzy, Stella vede la sua vita cambiare completamente e in modo del tutto inaspettato: un talent scout la sente cantare e, impressionato dal suo grande talento, la convince a intraprendere il cammino per diventare una vera popstar.
Ad accompagnare la nuova avventura discografica di Stella, troviamo anche i dubbi amorosi, le emozioni contrastanti e le decisioni difficili, che caratterizzano la vita di tutti i ventenni.


Recensione a cura di Erica Molinari

Un romanzo giovane, fresco e scorrevole. E’ ciò che traspare fin dalle prime pagine di After the Sun, che cattura il lettore e non lo molla più, fino all’epilogo.
L’argomento del romanzo e lo stile frizzante strizzano l’occhio ad un pubblico “teen” di giovani sognatori sempre più affascinati dal mondo dello spettacolo, ma non deludono affatto i lettori più maturi, che possono apprezzare maggiormente lo spazio riservato ai sentimenti.
E sono proprio i sentimenti a fare da cornice alla storia della protagonista: amore, dolore, affetto, amicizia. Il lettore segue Stella in un turbinio di eventi e colpi di scena che la renderanno, alla fine, più matura e consapevole: è una sorta di piccola morale che non vuole essere un insegnamento, ma uno spunto di riflessione.
L’unico piccolo neo che personalmente ho riscontrato, essendo a contatto con l’ambiente musicale,  è la visione un po’ ingenua (e forse anacronistica) dei meccanismi del mercato produttivo e discografico. Purtroppo è una realtà molto più difficile, in cui ogni singolo investimento deve assicurare un profitto sicuro.
In ogni caso, visto che il romanzo non ha certo una pretesa tecnica o didattica, Angela Grillo riesce perfettamente nell’intento di far sognare il lettore ad occhi aperti, conducendolo per mano là dove vivono i sentimenti più veri: After the Sun.



Intervista a cura di Erica Molinari

D: Ciao Angela, prima di parlare del tuo romanzo, parliamo un po’ di te. Da dove nasce la tua passione per la scrittura?
R: La passione per la scrittura è cominciata verso i 17-18 anni  quando decisi di seguire un corso di poesia che si teneva presso l’Istituto Parco Nord di Cinisello dove frequentavo il quinto anno di Perito aziendale e corrispondente in lingue estere. In quell’anno vinsi diversi Concorsi di Poesia. Poi, qualche anno dopo, cominciai a pensare seriamente di scrivere un romanzo. Mio padre e mia madre mi hanno sempre incoraggiata a scrivere ma ho avuto altre priorità nelle diverse fasi della mia vita e non sono mai riuscita a realizzare questo mio desiderio. Solo quando mio padre è mancato ho sentito che glielo dovevo… e ho pensato di accontentarlo. Mi sono ritagliata degli spazi nella mia frenetica attività lavorativa e sono riuscita a portare a termine questo lavoro.

D: Del tuo romanzo colpisce subito il titolo, After the Sun. Perché la scelta di un titolo in inglese?
R: After the Sun significa “dopo il sole”. Il dopo a cui il titolo in inglese fa riferimento è un fil rouge che si ripresenta più volte durante il racconto, per esempio dopo aver visto l’alba la protagonista, Stella, incontra un ragazzo e s’innamora. Oppure dopo essere stata ingaggiata dalla Sun (la sua casa discografica) le capiteranno tante bellissime e intense avventure e incontrerà diverse persone che rivestiranno un ruolo importantissimo per la sua carriera e per la sua vita. E poi… e poi non sveliamo troppo sul resto della storia. Chi lo leggerà tutto fino in fondo… capirà!
E poi l’inglese è una lingua universale ed è entrata a far parte della vita di tutti i giorni.
Mi è sembrato giusto ed originale scegliere un titolo in inglese.

D: Leggendo il libro scopriamo come la protagonista, Stella, riesca a trasformare in realtà il sogno di diventare una cantante professionista.  Ti sei ispirata al percorso o alla personalità di qualche personaggio famoso per caratterizzarla?
R: Stella è un personaggio. Non mi sono ispirata a nessuno in particolare. L’unico personaggio del Romanzo che è stato ispirato da una persona reale è il cantante Mario, infatti la sua descrizione fisica coincide con quella di Francesco (Kekko) Silvestre leader dei Modà, il mio gruppo musicale preferito.  Tutto un capitolo (il numero 12) è dedicato al loro incontro presso la Sun, la casa discografica, e descrivo nei minimi dettagli il loro strano incontro, le sensazioni, le loro ambizioni e soprattutto il sorprendente duetto che i due fanno insieme in sala di registrazione.

D: Senza voler rovinare la sorpresa ai futuri lettori di After the Sun, si può però anticipare che il romanzo presenta un finale ricco di colpi di scena. Nelle ultime pagine credo tu abbia voluto dare al lettore uno spunto di riflessione morale, rivolto soprattutto ai ragazzi di oggi, forse troppo smaniosi di avere successo e poco inclini all’altruismo.  E’ corretta la mia sensazione? Puoi parlarcene?
R: I ragazzi pensano solo a diventare famosi a tutti i costi, chi in un modo, chi in un altro e non si rendono conto che la vita da vivere è molto più bella e vera di quello che gli viene proposto in televisione.  Non sto dicendo che non sia giusto avere dei desideri, sognare, dico solo che non si può diventare tutti cantanti o attori, certo ci si può provare, si può sperare. Ma ad un certo punto della vita ci si ritrova ad un bivio, si è costretti a riflettere e a tornare con i piedi per terra. L’importante è avere qualcuno che ci vuole bene, una famiglia, l’amore. Senza questi affetti non è vita. E Stella l’ha capito. 

D: Nel romanzo sono presenti molti dettagli di ciò che accade dietro le quinte di una casa discografica. Come ti sei preparata per descrivere i meccanismi in modo così dettagliato?
R: Ho fatto alcune ricerche e mi è capitato anche di visitarne una. A me piacciono i dettagli e prima di descrivere luoghi, cose, persone, situazioni provo sempre a prepararmi. Se proprio non ho informazioni… invento!

D: Fin dall’inizio del romanzo vediamo come Stella abbia avuto un passato molto difficile, sia per la perdita dei genitori, sia per un episodio molto spiacevole legato al mondo universitario. E anche nel corso del romanzo la sua vita non sarà sempre facile, benché Stella sia un personaggio caratterialmente molto forte, nonostante le difficoltà. Come mai hai fatto questa scelta?
R: Ognuno di noi ha avuto o ha qualche problema. Non conosco nessuno che non abbia mai passato brutte avventure o che non stia vivendo qualche difficoltà o, peggio, un dramma. Stella è una ragazza come tante e mi è sembrato giusto presentarla come tale, con le sue incertezze, i suoi problemi, i suoi timori ma anche la sua tenacia per affrontare tutto. Durante la nostra vita ci sono momenti in cui si ride e in cui si piange, ma la vita resta comunque un’incognita  da vivere!

D: After the Sun ci riserva anche la scoperta dell’amore dal punto di vista della protagonista: inizialmente è un sentimento quasi adolescenziale da “colpo di fulmine”, poi  pian piano diventa qualcosa di più consapevole e maturo. Puoi parlarci di questo aspetto molto importante del romanzo?
R: Senza l’amore il Mondo non va avanti. E’ questo il sentimento che spinge gli uomini a vivere, ad agire, a credere. Stella durante il corso della sua avventura matura tantissimo, da ragazzina inesperta e goffa delle prime pagine si trasforma in una donna e cresce e si modifica con lei anche l’amore che prova per Fabio, dapprima adolescenziale, appunto, e successivamente si trasforma in Amore vero, per il quale si è pronti a fare mille sacrifici, affrontare mille cambiamenti.

D: Qual è il target di questo romanzo?
R: Le ragazze, le donne. In particolare quelle che amano cantare e che adorano sentire la musica. E anche quelle che amano le belle storie d’amore.  Ma non è detto… perché anche tanti uomini hanno letto il libro e si sono fatti coinvolgere dalla storia e dalla protagonista.
Questo libro è dedicato anche a tutte le persone che ogni giorno devono affrontare situazioni nuove e prendere decisioni che cambieranno più o meno la loro vita quotidiana.
Proprio queste persone si sentono talmente coinvolte nell’avventura di Stella che leggono tutto d’un fiato il libro, dalla prima all’ultima pagina, e poi mi rintracciano su Facebook, su Twitter o sul mio sito www.angelagrillo.it per farmelo sapere e per chiedermi il sequel di After the Sun.
D: Quanto ci hai messo a scrivere il romanzo?

R: Ci ho messo tanto, tantissimo direi. Ho due figli (uno di 15 e l’altro di 7 anni) e un lavoro full time e per me è stato davvero un problema trovare il tempo per scrivere. Quando riuscivo a ritagliare un paio di ore a sera per dedicarmi alla scrittura mi sentivo davvero fortunata! Ci ho messo quasi due anni…

D: Concludiamo questa breve conoscenza di Angela e del suo After the Sun con una domanda personale.  Dopo il successo di questo primo libro, hai nuovi progetti letterari di cui vorresti parlarci?
R:Sono molto contenta del successo che sta ottenendo solo col passaparola questo mio libro. Vuol dire che piace, che ha emozionato. Sono molto attenta al mondo dei giovani e visto che tutti mi chiedono altre avventure per Stella, credo proprio che gliene farò vivere ancora, e sempre più avvincenti, nel seguito che sto preparando proprio in questi giorni.


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento, ne siamo lieti. Ricordati di adottare sempre un linguaggio civile e appropriato.
NO SPAM!
Lo staff di Tuttosuilibri.com

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...