venerdì 29 luglio 2011

OPERA PRIMA di Renato Spina

Opera Prima - Romanzo di Renato Spina


Titolo: Opera Prima
Autore: Renato Spina
Autopubblicazione
Pagg.523
Trama


La speranza, il sangue, Turandot: ecco la soluzione ai tre indovinelli dell’opera di Puccini; tre enigmi che tanti pretendenti alla mano di Turandot non sono riusciti a svelare e che per questo sono stati decapitati. Solo il misterioso Calaf sarà in grado di risolverli e conquistare così il cuore inaridito della gelida principessa cinese.
Gli stessi enigmi costituiscono il filo conduttore di questo noir che trae spunto da e si innesta poi nell’opera lirica. Un folle omicida mette in atto un piano diabolico per sfidare il celeberrimo ed acclamato direttore d’orchestra Alessandro Malerba, discendente ed erede morale del grande Toscanini, che dirige una speciale performance del capolavoro pucciniano, come tutti sanno rimasto incompiuto, componendo personalmente un finale diverso da quello terminato all'epoca dal musicista Franco Alfano. La vicenda si svolge in un’estate romana insolitamente dolce, che fa da contraltare alla drammaticità degli eventi narrati.

Recensione a cura di Maria Irene Cimmino

In un crescendo di tensione, Opera Prima è un perfetto congegno ad orologeria che solo il fiuto investigativo di un poliziotto e l’amore sconfinato di una donna straordinaria riusciranno a disinnescare.
Una trama ricca di colpi di scena fino al sorprendente epilogo. Col suo bel fluire narrativo il libro ci parla di passioni travolgenti e amicizie sincere, di sentimenti profondi, dolori insostenibili e valori traditi, ma apre anche alla speranza e alla voglia di ricominciare. Scritto senza cedimenti o sbavature in uno stile scorrevole  e brillante, Opera Prima tiene avvinto a sé il lettore dalla prima all’ultima pagina.
Tutti i personaggi narrati sono in realtà protagontisti del racconto, con il loro spessore psicologico e la loro giusta collocazione nello spazio scenico, come in una regia operistica.
Le relazioni interpersonali sono descritte con grande varietà di sfumature; l'autore tratta anche le scene più  drammatiche e quelle più passionali con levità di penna, riuscendo a coinvolgere completamente il lettore sul piano emozionale.
Un poliziesco insolito, da leggere e rileggere per assaporarlo completamente e - perché no? - ascoltare e riascoltare la Turandot, capolavoro immortale: come l’amore, quello autentico.

Maria Irene Cimmino

mercoledì 27 luglio 2011

Recensione: UN CUORE NELLE TENEBRE di ROBERTA CIUFFI

Roberta Ciuffi è un’autrice che con pennellate decise e delicate dipinge un mondo oscuro e penetrante; una grande maestra del romance italiano che per la prima volta presenta un romanzo paranormal, destinato a entrare nell’immaginario delle lettrici.

UN CUORE NELLE TENEBRE
di ROBERTA CIUFFI


Titolo: Un cuore nelle tenebre
Autore: Roberta ciuffi
Editore: Leggere Editore
Pagine: 365

Trama:
Vivono tra la gente comune, conducono una vita apparentemente normale. Ma la notte è il loro regno, è di notte che si scatena la loro vera natura. Tutto intorno, l’Italia unita sta muovendo i primi passi, eppure, tra i vicoli di San Raffaele, in Friuli, sono i lykaon a reggere i fili del destino. Da secoli vivono in pace, a metà fra la ragione umana e l’istinto animale, ma ora qualcuno di loro ha lasciato che il sangue prenda il sopravvento, e che le pulsioni del lupo vengano alla luce, sconvolgendo un’armonia sottile. L’ombra dei boschi sta per dilagare, inesorabile, insidiosa, e solo uno di loro potrà ricucire il confine tra i due mondi. Starà a lui – accompagnato da una donna fragile e indifesa, che cela in sé la forza sconosciuta e dirompente di una regina delle tenebre –, trovare la chiave che risolverà l’enigma, per difendere il suo popolo dai piani di chi da tempo trama alle loro spalle.

Recensione a cura di Stefania Scarano:
La vicenda è ambientata in un Friuli per me insolito che visitato come turista non mi è parso poi tanto misterioso.
Non sono abituata al genere paranormal, solitamente non lo leggo ma volevo allargare i miei orizzonti e così ho voluto recensirlo per questo blog.
Devo dire che non mi è dispiaciuto sebbene la vicenda scorra un pò lenta e gli inizi non siano tanto promettenti, appassionanti sono alcune scene tra i protagonisti ovvero l'archeolo Lars Coulter e la signorina Elena Orlati, dapprima indifferenti e scontrosi e poi complici ma soprattutto appassionati.
Tra leggenda e realtà si avvicenda il mistero dei lykaon creature per metà uomini e per metà lupi, solitamente pacifici vengono ora agitati da un predatore, uno di loro che semina panico e terrore oltre che morti e feriti, chi sarà questo ribelle?
Potrete scoprirlo solo leggendo questo romanzo da cima a fondo.
Resta la morale che bisogna andare sempre oltre l'apparenza perchè molte cose o persone, in realtà, non sono così come sembrano.
Ho trovato ridondanti alcune digressioni e la ripetizione di alcune parti in corsivo a volte, per me, non necessarie ma nel complesso la lettura è resa scorrevole da un linguaggio non troppo ricercato .

Recensione a cura di Samanta Catastini

Il primo Paranormal di Roberta Ciuffi è davvero ben riuscito sia nella trama come nella perfetta costruzione psicologica dei personaggi. Lo stile dell’autrice, pulito ed efficace, si sposa con armonia alla storia dei Licantropi. Finalmente l’anima di lupo ha il sopravvento sull’ormai svenduto vampiro. L’accurata ambientazione ottocentesca rende il testo ancora più interessante come il lento dipanarsi della leggenda dei Lykaon a seconda degli avvenimenti narrati. Non manca il colpo di scena finale e il nero della notte si tinge di piacevole rosa per l’amore che sboccia tra l’archeologo Lars Coulter e Elena Arlati, antica discendente Castriota. Il paesino friulano, San Raffaele, in cui si svolgono i fatti è popolato da una stirpe particolare che si è abilmente mimetizzata tra le persone normali. Non sarà un caso che la sorella di Elena, Melissa, sia partita da Firenze per sposare il conte Gradioli, antico proprietario terriero del luogo…Il fato sembra essere sempre in agguato, ma questo dovete scoprirlo leggendo questo nuovo capolavoro di Roberta. Per mio modesto avviso l’autrice ha superato a pieni voti il suo nuovo esperimento letterario senza abbandonare la dolcezza che contraddistingue il suo stile.
Non fatevi scappare questo romanzo che fino al 31 agosto è in promozione a soli 5 euro!

lunedì 25 luglio 2011

Segnalazione: I love Ju - Il romanzo d'amore sulla Juventus di J. Arpetti

Qui tradisco la mia inclinazione bianco-nera, forse innamiccandomi qualche lettore, ma suvvia lo spitito sportivo dov'è? A parte gli scherzi... Vi segnalo questo romanzo molto particolare e direi anche ironico...
Vincitore del concorso letterario per autori esordienti tenutosi al “Salone internazionale del libro di Torino” organizzato da “Radio 24” in collaborazione con Cult editore è un romanzo innovativo e brillante!
Trama:
Giacomo, supertifoso juventino, in bilico tra due donne: da una parte la fidanzata Julia che, alla soglia dei trent’anni, non desidera altro che sposarsi e mettere al mondo dei figli e dall’altra la travolgente Monica, sua ex compagna di classe trasformatasi in una sorta di playmate tutta curve, che lo seduce a colpi di silicone e cocaina. Il tutto sullo sfondo delle due semifinali di Champions League tra Juventus e Real Madrid. La Juve vola in finale contro il Milan, mentre Giacomo si ritrova all’ospedale con una prognosi di amnesia totale causata da un forte attacco di stress. Sebastiano, il suo compagno di stanza, un autistico completamente dedito alle statistiche della squadra bianconera, in poco tempo stravolge il suo equilibrio interiore, facendogli nascere istinti omicidi e portandolo a odiare la sua "amata" Juve. Il giorno della finale, mentre gioisce per la vittoria del Milan, lentamente tutto nella sua mente inizia a diventare chiaro.

Per saperne di più vi rimando al sito dell'autore CLIKKATE QUI!

RECENSIONE - LA LINEA VERDE, Simone Fancelli, ed. Albatros il Filo

Simone Fancelli, scrittore in erba, è solito raccontare alcune storie ai suoi figli... e da quelle narrazioni avvincenti a piano piano prende forma il romanzo. Prima lettrice molto esigente la moglie che non ha dubbi, le piace. Ecco allora che La linea verde diventa un libro. Lo ha letto e recensito per Tuttosuilibri Samanta Catastini.

 Trama:
Nei dintorni di un paese di montagna, un uomo trova il corpo di una ragazza, svenuta e in gravi condizioni. Al suo risveglio la ragazzina si scoprirà priva di memoria, da quel momento Neve, questo sarà il suo nome, inizia una nuova vita insieme agli estranei che l'hanno accolta, trovando in loro una nuova famiglia. Spesso, frammenti di ricordi affiorano alla sua mente tormentandola; nonostante riesca a instaurare profondi legami con alcuni abitanti del villaggio, vive esperienze singolari che le fanno scoprire di essere diversa dagli altri: Neve è in grado di compiere azioni straordinarie e inspiegabili, possiede un dono che, forse, ha origine da un evento che ha segnato la sua vita. Per cercare di comprendere la propria condizione, decide di spingersi oltre i confini del suo nuovo mondo, in un viaggio che la porterà a scoprire una verità inaspettata. 

Recensione a cura di Samanta Catastini

Un bel racconto che mischia nella sua trama un po’ di aura fiabesca con la realtà più cruda. Uno stile fluido e semplice per trattare un argomento non proprio all’ordine del giorno. Neve, la protagonista, si risveglia in uno sperduto paesino dell’Oregon senza capire come ci sia finita né ricordare le sue vere origini. Perduta completamente la memoria sarà William, il vecchio che l’ha ritrovata senza sensi nel deserto, a darle un nome e una casa in cui vivere. L’uomo le comunicherà di trovarsi durante la primavera del 1838 e di non aver mai visto una ferrovia nei paraggi, mentre la giovane si ricorda solo di questa particolarità. Eppure non si porrà altri problemi in merito e si unirà al piccolo Yuri, diventando inseparabili nelle loro scorribande e, finendo con il visitare il Crater lake, un luogo non solo paradisiaco, ma anche considerato spirituale dagli indiani d’America. Da qui in poi si susseguono misteriose scomparse e la scoperta da parte di Neve delle sue innate qualità come musicista. La narrazione prosegue tra il magico e il profano con una destrezza davvero invidiabile. L’autore riesce a farci assaporare la vita, a rendere fondamentale il rapporto uomo-natura e a guardare il mondo con gli occhi di una bambina, privi di malizia. Hamas, colui che viene descritto come pazzo e poco raccomandabile, Neve lo accetta per quello che veramente è: un uomo sensibile, dedito alla scrittura e alla lettura. Il finale è una vera sorpresa che lascia il segno nel lettore e lo induce a porsi domande o anche solo a riflettere. Vi dico solamente che ci ritroviamo nel 2056; allora cosa mai è accaduto a Neve e Yuri, hanno forse solo sognato? A voi la risposta!


Hobbiton XVII - Per gli amanti del fantasy evento da non perdere!

Torna anche quest'anno la festa annuale della Società Tolkieniana Italiana, una festa piena di divertimento e magia in cui il fantasy e il medioevo si mescolano per donare ai viaggiatori un weekend indimenticabile!
 
 
Segue comunicato stampa
Hobbiton XVII

"Quando il signor Bilbo Baggins di casa Baggins annunziò che avrebbe festeggiato il suo centoundicesimo compleanno con una festa sontuosissima, tutta Hobbiville si mise in agitazione".

Ebbene sì! Finalmente possiamo ufficializzare luogo e data della Hobbiton 2011! La data è sempre la stessa, e cioè il primo fine settimana di settembre che quest'anno cade il 2-3-4 ed il luogo è Palombara Sabina, in provincia di Roma!

La manifestazione si svolgerà nelle sale e nei cortile del castello Savelli. Altri particolari ed informazioni verranno inviate in queste settimane, ma vi ricordiamo di seguire sempre sul nostro sito (www.tolkien.it), sul forum a anche su Facebook (http://www.facebook.com/group.php?gid=20596762381&ref=mf), tutte le notizie che verranno inserite.

Ovviamente si accettano volontari per aiutarci nella realizzazione, specialmente giovani Uruk, che quelli che avevamo prima oramai li abbiamo pensionati!!

Tenete costantemente d'occhio il nostro sito per avere informazioni sempre aggiornate!! 

La Società Tolkieniana Italiana bandisce il 1° “Premio Fanyaquenta”, riservato a favole e racconti a fumetti ispirati alle opere di Tolkien. Per maggiori informazioni potete scaricare il bando completo qui: PREMIO FANYAQUENTA (http://www.tolkien.it/news.php?readmore=88)

E quest'anno alla hobbiton ci sarà il Primo Premio Hobbiton Cosplay 2011!!
Per chi fosse interessato può trovare il regolamento completo qui: HOBBITON COSPLAY (http://www.tolkien.it/news.php?readmore=87)

venerdì 22 luglio 2011

Recensione " Rot e Ruin" di Jonathan Maberry

Rot e Ruin
di
Jonathan Maberry

                                             


Titolo: Rot e Ruin
Autore: Jonathan Maberry
Editore: Delos Books
Pagine: 368

<<George Romero incontra il Giovane Holden in questa struggente ed esaltante Zombie Novel..>> Nancy Holder,autrice di Wiched and Possessions

<< Jonathan Maberry mescola terrificanti scene di inseguimento a dilemmi etici per raccontare una storia di zombie memorabile>> Publisher Weekly

<< Emozionante,seducente e sorprendentemente toccante. Rot e Ruin avvince il lettore dall'inizio alla fine.>> Heather Brewer,autore di The Cronichles of Vladimir Tod

<< Altro che la solita zombie novel! Rot e Ruin è un romanzo eccitante e pieno d'azione!>> Charlaine Harris.

Nell’America post-apocalittica infestata dagli Zombie dove Benny Imura vive, ogni adolescente deve trovarsi un lavoro al compimento del quindicesimo anno di età, o dimezzare per sempre la propria razione quotidiana di cibo. Benny, però, non è interessato a portare avanti il business di famiglia, ma non ha scelta visti i precedenti fallimenti lavorativi; così accetta di diventare un cacciatore di zombie come quel vigliacco di Tom, il suo fratellastro. Il ragazzo si addentra nella desolata Rot & Ruin, il territorio in cui sono confinati gli zombie, con riluttanza, convinto di svolgere un lavoro noioso e pressoché inutile… prima di imbattersi  in un terra senza dio, che gli aprirà gli occhi su un mondo totalmente diverso dalla vita a cui era abituato. Conoscerà il suo passato, i lati nascosti della personalità di Tom e il motivo per cui viene considerato da tutti come un eroe: perché là fuori, lontano dalle recinzioni del fortilizio, le distese aride di Rot&Ruin pullulano di rinnegati assassini a caccia di adolescenti, di segreti mortali, di zombie e di bellezze cresciute nelle oscurità del tempo.  Rot & Ruin è molto più che un deserto senza vita…   

RECENSIONE a cura di Francesca Pirotta
Ci troviamo in un'America in cui le tecnologie sono state spazzate via; dove la gente vive nel terrore e dove i bambini invece di giocare a guardie e ladri e collezionare figurine dei calciatori,giocano a fare gli zombie e a scambiarsi le Zombie Cards : carte da gioco rappresentanti cacciatori e zombie.
Il protagonista è Benny Imura,un ragazzo di 15 anni che vive con il suo fratellastro Tom,cacciatore di zombie,a Mountainside:posto creato per proteggere le persone dagli zombie che vivono nel regno di Rot e Ruin che va dalla California fin verso l'Atlantico.
Gli zombie sono persone morte e risorte a causa di morsi inferti da altri zombie o altre cause,ma il motivo di questa trasformazione resta sconosciuta.
Benny non ha un grande rapporto con Tom perchè per lui è un vigliacco che non è riuscito a salvare la loro madre la Prima Notte,destinandola a morta certa.
Ma presto cambierà idea,a causa della scomparsa di Nix ( sua amica,per la quale ha anche una cotta) e per il ritrovamento della card della Lost Girl,una ragazza scomparsa molti anni prima a cui i cacciatori danno la caccia;che lo porterà a compiere un viaggio che lo farà crescere.
Capirà chi sono gli amici e i nemici,imparerà a lottare e a non odiare più gli zombie.
E' il primo libro che leggo sugli zombie e l'ho molto apprezzato perchè per fortuna non è stato molto pauroso ( hihi),ma soprattutto per la storia piacevole,scorrevole,che ti prende fin dall'inizio.
Lo consiglio a coloro che amano le storie da piccoli brividi.                              

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...