venerdì 27 settembre 2013

Gabriel Michael Vosgraff Moro - Là dove entra la luce

Dalla fredda Norvegia arriva nelle librerie l'ultima fatica di Gabriel Michael Vosgraff Moro, un romanzo storico ambientato nella Venezia dei Cinquecento 


di Gabriel Michael Vosgraff Moro
Là dove entra la luce

Titolo: Là dove entra la luce
Autore: Gabriel Michael Vosgraff Moro
Editore: Atmosphere Libri
Pagine: 240

Venezia, anno 1524: il nobile e antisemita Don Gabriel Moro viene condannato a morte per sodomia e decapitato. È la storia di un triangolo amoroso tutto al maschile. La voce narrante è quella di Tadzio, un nano ormai stremato dalla malattia che, dal letto dell’enorme palazzo vuoto una volta appartenuto al suo signore Don Gabriel Moro, riporta la storia della sua vita in un diario e nello stesso tempo la recita ad alta voce, come una confessione, a una misteriosa e oscura figura che compare al suo fianco, forse la Morte stessa. Là dove entra la luce è una storia d’amore, odio, tradimento e gelosia che si svolge nella cornice storica della nascita del ghetto a Venezia nel 1516 e della questione ebraica. Don Gabriel Moro è un personaggio realmente esistito, con un ruolo di rilievo a Venezia e noto per la sua avversione alla presenza degli ebrei in città, ma nel romanzo finisce per innamorarsi proprio del giovane ebreo che ha rubato il cuore anche a Tadzio. È una cupa storia di sentimenti forti, ma anche un romanzo storico abbastanza accurato e un romanzo filosofico, che indugia sulle nuove scoperte del Cinquecento, sulle nuove concezioni del mondo che cominciano a delinearsi, sull’amore per la scienza e la conoscenza, sul potere della parola e della letteratura come creatrici di verità, ma anche sulla loro inevitabile inaffidabilità.


«[…] dopo il debutto letterario nel 2006 con l’originale Autobahn [Gabriel Michael Vosgraff Moro] propone il suo secondo romanzo, che mi auspico rappresenterà il suo grande successo letterario. Si spera anche a livello internazionale». DAGBLADET

«Questa è innegabilmente Letteratura: una bella lingua, chiari riferimenti letterari in un racconto dall’apparenza tragica e sobria; un libro che ti afferra fin dal primo momento e non si sa quando lascerà la presa”. UNIVERSITAS

«Il romanzo combina il tradizionale racconto d’avventura, in cui la narrazione incalza pagina dopo pagina, con gli esiti più aperti del romanzo moderno. Tutto ciò ci invita a elogiare Gabriel Moro per il suo grandioso lavoro. Là dove entra la luce ha tutte le qualità per portarlo alla grande affermazione letteraria». KLASSEKAMPEN


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento, ne siamo lieti. Ricordati di adottare sempre un linguaggio civile e appropriato.
NO SPAM!
Lo staff di Tuttosuilibri.com

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...