giovedì 12 settembre 2013

recensione: QUEL CHE RESTA DI TE - KEITH GRAY


Titolo: Quel che resta di te
Autore: Keith Gray
Pagine: 294 pag.
Editore: Piemme Freeway
Trama: Dopo il funerale ipocrita e deprimente di Ross, Kenny, Sim e Blake sentono di dover fare qualcosa di speciale per il loro migliore amico. Rubano così l’urna contenente le sue ceneri e affrontano 261 miglia per portarla in uno sperduto paesino della Scozia. Era il viaggio che Ross avrebbe da sempre voluto fare. Durante questo rocambolesco percorso, i tre ragazzi realizzeranno l’effetto che l’amico ha avuto sulle loro vite e quanto ancora conti per loro, ma dovranno anche confrontarsi con una sconvolgente verità che nessuno di loro aveva voluto vedere...

Recensione a cura di Stefania Scarano:
Ross, un ragazzino inglese di 14 anni ,è morto travolto in bici e i suoi migliori amici Blake, Kenny e Sim oltre a non rassegnarsi alla cosa, non apprezzano il suo funerale poichè vi intervengono persone che non sapevano nemmeno chi fosse l'amico.
Come reazione a tale disagio dapprima imbrattano alcune case con la vernice spray e poi decidono di trafugare le ceneri dell'amico per portale in Scozia, a Ross, una località omonima del loro amico in cui egli stesso diceva di voler andare.
Il furto dell'urna si rivela più difficile del previsto e così i tre vengono da subito ricercati dai loro parenti ma decidono di spegnere i cellulari ed ignorarli.
Il viaggio in treno non sembra così complicato sebbene ci siano da fare vari cambi ma è durante il primo di questi che Kenny dimentica sul vagone il suo zaino e con esso il suo biglietto d'andata e diverse sterline essendo il vero finanziatore della "missione".
Le cose iniziano a complicarsi e beccati dal controllore sono costretti a scendere alla prima stazione possibile, purtroppo non hanno più molti soldi ne tempo per acquistare un altro biglietto per Kenny prima che arrivi la coincidenza e così riescono a rimediare un passaggio da due universitari che guidano un taxi messo maluccio.
La loro destinazione però è ben oltre e così prendono un altro treno sul quale incontranotre affascinanti ragazze. Inutile dire che gli ormoni adolescenziali sono impazziti e fioccherà tra loro qualche storia ma anche qualche guaio.

Un viaggio che è un'avventura per tutti, che unirà i tre ragazzi tra loro e alla memoria di Ross fino alla fine, quando verrà fatta chiarezza sulla morte dell'amico e la consapevolezza di non essergli poi stati così amici li distruggerà, almeno in parte.

Diciamo che non ho apprezzato molto il finale perchè è vero che il viaggio si conclude finalmente a Ross ma le vite di Kenny, Sim e Blake sembrano rimanere in sospeso anche a seguito di screzi tra di loro.

1 commento:

  1. Questo racconto secondo me è molto intrigante, commovente,e anche tragico perchè la perdita di un amico secondo me è molto brutto non si può accettare e poi il coraggio di questi 3 amici di questo ragazzino che continuano a lottare per questo loro "migliore" amico a me piacciono molto questi tipi di film secondo me dobbiamo stare sempre con gli occhi non aperti ma spalancati perchè ad esempio questo ragazzino è morto investito con la sua bici quindi significa che puoi morire anche per una stupidagine ad esempio andando in bici quindi dobbiamo stare molto attenti come ripeto mi piacciono molto questi libri perchè si è vero è un libro ma ti fa capire molto mi è piaciuto commentare dire quello che pensavo mi è piaciuto tanto quanto il libro (scherzo :) )

    RispondiElimina

Lascia un commento, ne siamo lieti. Ricordati di adottare sempre un linguaggio civile e appropriato.
NO SPAM!
Lo staff di Tuttosuilibri.com

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...